Storia di Segesta, escursioni a Segesta Stampa

Il territorio di segestano è tra i più importanti siti archeologici della Sicilia e del Mediterraneo. Con Erice ed Entella, Segesta fu uno dei principali centri elimi; gli Elimi sono un ethnos di gente immigrata dall'Anatolia e forse frammisto ai Sicani. Il ruolo storico di Segesta fu preponderante per la costante rivalità con la vicina Selinunte, a cui contendeva i fertili territori bagnati dal Mazaro. Le prime avvisaglie di scontri armati risalirebbero al periodo 580-576 a.C. Nelle alterne fasi successive di questo perpetuo conflitto, nel 415 chiedeva aiuto agli Ateniesi contro Selinunte e Siracusa. Fallita la disastrosa spedizione, i Segestani si rivolsero ai Cartaginesi stringendo un patto di alleanza che produsse la distruzione di Selinunte nel 409 a.C. e successivamente di Imera, Agrigento e Gela. Nel 397 a.C. Segesta venne assediata dai Siracusani in quanto alleata dei Punici e, dopo alterne vicende, conquistata e distrutta alla fine del IV sec. a.C. da Agatocle tiranno di Siracusa, che le diede il nome di Diceapoli. Tornata nel campo degli alleati cartaginesi nel 306 a.C., fu alleata di Pirro nel 276, durante i due anni della fortunata campagna siciliana del re dell'Epiro. Agli inizi della I guerra punica fu tra le prime città siciliane a passare ai Romani, forse per la leggendaria origine comune di Troiani, Elimi e Romani. Per questo motivo Segesta venne sempre trattata con i riguardi più ampi da Roma divenne città "libera et immunis"; ebbe l'assegnazione e il controllo di vasti territori; conobbe sotto il dominio di Roma, una grande prosperità e fioritura economica. gli estesi latifondi imppiegavano una numerosa moltitudine di gente servile e Segesta fu un punto di partenza della rivolta degli schiavi, che nel 104 a.C. fu capeggiata da Antenione. Di scarso rilievo le notizie sulla Segesta romana. Una campagna di scavi condotta tra il 1989-90 ha confermato l'esistenza di un ginnasio e il culto ai Dioscuri e una iscrizione cristiana del 524 a.C. Notevoli resti archeologici sono stati restituiti nelle campagne di scavo intraprese nel 1953, da Vincenzo Tusa, con la scoperta in contrada Mango di un tempio più antico di quello stante, sulla collina orientale. Si tratta di un tempio di vaste proporzioni, probabilmente al centro di un'area di culto, dove saggi di scavo lasciano intendere altre interessanti scoperte.

 

 

STORIA

DA VISITARE

RISTORANTI

ALBERGHI

DIVERTIMENTO

Segesta, mappa
Segesta, tempio
Segesta, tempio
Calatafimi
Segesta, teatro greco
Segesta, tempio
 
Segesta, teatro greco
Segesta, terme Gorga
Segesta, terme Gorga
Segesta, mappa di Gorga
Segesta, terme Gorga

 

 

Skype us

Selezione lingua

  • Italian
  • English
  • Russian
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter