DA VISITARE A MARSALA
Il museo di Marsala: con la spettacolare Nave Punica e altri reperti della Marsala Antica
Le cantine Florio e Donnafugata:per farvi un’idea della cultura vitivinicola non solo siciliana ma italiana non potete non visitare le cantine Florio. Scoprirete tini e botti di dimensioni spropositate e alcune che “lavorano” da piu di 50 anni. La visita e’ guidata, costa pochi euro, e si chiude con una degustazione di Marsala…che sono la fine del mondo. L’ingresso delle cantine Florio e’ sul lungo mare, se prendete la via che costeggia le cantine potete andare a visitare un’altra cantina stupenda, titolare di una delle etichette di vino piu premitate negli ultimi anni Donnafugata (compratevi un paio di bottiglie di Damaschino e bevutevele accompagnandole con una grigliata di pesce cucinata nel barbecue di casa….ci ringrazierete per il consiglio). Di cantine ce ne sono tante altre. Avete l’imbarazzo della scelta ma queste due non potete mancarle.           
Le Saline, lo Stagnone e l’isola di Mothia: il sale siciliano e la sua lavorazione sono sotto i vostri occhi in un paesaggio incantato a pochissimi minuti dal centro. L’area dello stagnone, e’ una sorte di palude naturale determinata da una lunga isola (l’Isola Lunga appunto) che si svolge proprio di fronte a Marsala. Le saline e i colori che si creano la sera al tramonto sono uno spettacolo unico (vedi foto) cosi come non potete non visitare Mothia, un’isoletta apparentemente insignificante alla si arriva esclusivamente con battelli che partono dalla zona delle Saline, ma che ha avuto un ruolo strategico importantissimo nell’antichita’. E’ un’altra escursione da fare sicuramente, in mezza giornata visiterete un posto stupendo e un museo incantevole dove si conserva la misteriosa statua del celeberrimo Giovanetto di Mothia. In ogni caso sarà piacevole perdervi in questo isolotto…dove il rumore del mare e il verso delle cicale si confondono recando una strana sensazione…come se andaste indietro nel passato. A Marsala esiste un detto: “ Se hai troppa voglia di lavorare, vai a Mothia, siediti su un sasso….e aspetta che ti passi!”.
Prima degli imbarcadero per l’isola di Mothia potete trovare chi affitta canoe o barchette per visitare la riserva dello stagnone. Sull’isola lunga nel versante orientale c’è una spiaggetta bellissima che vi consiglio di visitare, se invece volete vedere un po’ di natura proseguite sul versante mare dello stagnone e vi potrà capitare di vedere stormi di aironi.
Segesta: prendete la A29 verso Trapani in mezz’ora arrivate in questo  splendido sito della gloriosa epoca della colonizzazione greca. Qui oltre ad uno enorme tempio dorico trovate  uno spettacolare teatro che viene utilizzato per rappresentazioni teatrali. Il colpo d’occhio e’ incredibile visto che l’anfiteatro affaccia praticamente sull’intera valle del Belice.  
Se volete abbinare alla gita culturale una bagno in mare, proprio sotto il parco archeologico c’è una spiaggia bellissima (con acqua un po’ fredda a dire il vero), oppure proseguite per Agrigento e fermatevi a Porto Palo (vedi indicazioni nella sezione “dove andare al mare”). Potete abbinare la visita a Segesta alla visita a Scopello e alla riserva dello Zingaro, infatti proseguendo sulla A29 e uscendo a Castellamare del Golfo, potrete riprendere la strada lungomare che porta verso Trapani e incontrerete nell’ordine: Scopello, La Riserva dello Zingaro dal versante orientale. Da li potete partire e arrivare a San Vito lo Capo e proseguire il giro fino a Custonaci (vedi sopra…).
Selinunte: in direzione opposta , andando verso Mazara del Vallo e proseguendo per CastelVetrano si arriva, in circa 40/50 minuti di auto, a Selinunte. Anche qui e’ presente una zona archeologica dove e’ possibile visitare alcuni templi greci che affacciano praticamente su una bellissima spiaggia. Con un po di stupore ho scoperto che si tratta del parco archeologico più grosso d’Europa…ma lo sanno in pochi…
Erice: andate a Trapani, seguite per Erice fino sul cucuzzolo del monte (Erice) che domina Trapani, troverete un paesino medievale, unico per bellezza e panorama. Infine volendosi spostare di un centinaio di chilometri vi consiglio la  Valle dei Templi di Agrigento.
 

LA STORIA

DA VISITARE

RISTORANTI

ALBERGHI

LE SPIAGGE

DIVERTIMENTO

Chiesa Purgatorio a Marsala
Porto turistico a Marsala
Tramonto sulle saline, Marsala
Marsala. saline
Marsala panoramica
Marsala, Porta Sud
 
Marsala, saline
Vista di Mozia vicino Marsala
Marsala, Porta Garibaldi
Vini di Marsala