DA VISITARE A MESSINA
Conosciuta come la “Porta della Sicilia”, Messina sorge nella punta nordorientale dell’isola, di fronte allo stretto che, secondo antiche leggende, è occupato dai mostri Scilla e Cariddi. Il suo porto è il primo in Italia per numero di passeggeri in transito e sesto per traffico crocieristico. Il devastante terremoto avvenuto nel 1908 e i bombardamenti durante la seconda guerra mondiale hanno smantellato parte della storica architettura della città. Nonostante ciò, alcune opere d’arte sono rimaste e oggi rappresentano testimonianze architettoniche di rara bellezza. Il Duomo, di stile normanno, venne ricostruito dopo il terremoto. Ha un campanile alla sua sinistra alto 60 metri, caratterizzato dall’Orologio astronomico che, ai dodici colpi di mezzogiorno mette in moto tutti gli automi con una musica di sottofondo. Al centro di Piazza Duomo vi è l’elegante Fontana d’Orione, ricca di raffinati intagli, rappresentante il trionfo del mitico fondatore della città. Un altro importante monumento è la Chiesa di S. Francesco d'Assisi, il primo tempio eretto dall'Ordine Francescano in Sicilia e nota ai messinesi come l'”Immacolata”, per la statua argentea della Vergine che vi si conserva. La Chiesa di S. Annunziata dei Catalani, invece, rappresenta dal punto di vista architettonico, un esempio di stili diversi su di un impianto tardo bizantino. Consigliamo di vedere anche le Chiese di San Giovanni di Malta, di Santa Maria Alemanna e di Santa Maria della Valle. Non di minore importanza è il Museo regionale, dove è possibile apprezzare sarcofagi romani, busti, mosaici, tavole, sculture, argenti e oreficerie, manufatti del periodo normanno-svevo, e opere importanti quali il “Polittico di San Gregorio” di Antonello da Messina, l'“Adorazione dei pastori” e la “Resurrezione di Lazzaro” di Caravaggio. Splendida è la Fontana del Nettuno, realizzata nel 1557 dal Montorsi, simboleggia il dio Nettuno nell’atto di placare le acque dello Stretto incatenando le due furibonde sirene Scilla e Cariddi. Meritano particolare attenzione anche : Palazzo Zanca, sede del municipio, in stile neoclassico, si estende per una superficie di circa 12.000 mq; Palazzo Piacentini, realizzato nel 1927 con la stessa pietra adoperata anticamente per costruire i templi di Selinunte e di Agrigento; Galleria Vittorio Emanuele III, uno dei pochi esempi di architettura con uso del ferro del Sud Italia; Teatro Vittorio Emanuele II, famoso per la sua perfetta acustica; Monte di Pietà, uno dei palazzi storici di Messina, è rimasta solamente la facciata; Castel Gonzaga, fortezza realizzata a metà del 1500 per volere di Carlo V. La festa religiosa più importante di Messina è quella che si svolge il 15 Agosto: viene portata in processione da circa duemila fedeli una Vara raffigurante le fasi dell’Assunzione della Vergine Maria al cielo. Ogni anno vi sono circa 200.000 visitatori.

 

 
 

LA STORIA

DA VISITARE

RISTORANTI

ALBERGHI

LE SPIAGGE

DIVERTIMENTO

 

Messina, Duomo
Messina, Fontana Orione
Messina, San Giovanni di Malta
Messina, fontana Nettuno
Messina, statua Messina
Messina, Santa Annunziata dei Catalani
Messina, Sacrario di Christo
Messina, lago di Ganzirri
 
 
Messina, Madonna
Messina, Orologio astronomico
Messina, palazzo Zanca
Messina, San Francesco d'Assisi
Messina, Santa Maria della Valle Messina, Santa Maria Alemanna