Rent of boat Filicudi Island, excusions and history of Filicudi Island Print

La penultima isola nella parte nordoccidentale dell'arcipelago rimane, insieme alla vicina Alicudi, uno dei luoghi più remoti e preservati del Tirreno. E' aspra e rocciosa, con un profilo scabro e affascinante di coste alte e vertiginose, mosse da insenature, grotte, faraglioni e isolotti. I suoi versanti sono segnati da antiche colate laviche. Solo nella parte sudorientale il pendio si fa più dolce, con piccole valli e più agevoli approdi, ed è qui che da sempre sono sorti gli insediamenti umani: i ritrovamenti archeologici del capo Graziano ne attestano la continuità da circa quattro millenni. Anticamente Filicudi era chiamata Phoenicussa per le distese di felci che la ricoprivano; oggi le felci sono quasi scomparse e hanno ceduto spazio a una vegetazione mediterranea lussureggiante. L'isola è percorsa da antichi sentieri: il più suggestivo è quello che porta alla sommità, la Fossa delle Felci. Nel suo mare pescoso abbondano aragoste, cernie e ricciole. Le coste di Filicudi sono composte di roccia scura e rossastra e caratterizzate da grandi scogli tra i quali i più imponenti sono il Faraglione La Canna e lo Scolgio della Fortuna. Filicudi è molto famosa anche per le sue numerose grotte di cui la più suggestiva è senza dubbio la bellissima grotta del Bue Marino. L'isola è composta da circa 300 abitanti che vivono nei tre centri principali che sono Filicudi Porto, approdo di navi ed aliscafi, Pecorini a Mare e Valdichiesa, situato in collina. I tre paesi sono collegati da una strada asfaltata costruita di recente. L'economia dell'isola di Filicudi si basa su una semplice agricoltura (coltivazione di capperi e fichi) che viene realizzata sul territorio terrazzato, la pesca ed il turismo. Filicudi offre tranquillità, cucina genuina e possibilità di escursioni di notevole interesse tra cui il villaggio preistorico che risale all'età di Bronzo, situato sul Capo Graziano (penisola che si trova a sud-est di Filicudi). Dopo la distruzione del villaggio Filicudi sembra rimanere deserta per molti secoli, ed è poi stata abitata di nuovo in età greca (Vi-V secolo a.C.). Sono stati ritrovati inoltre resti di abitazioni romane sul lato settentrionale del porto ed anche un insieme di tombe intaglaite nella roccia, di origine cristiano-bizantina. Tutti questi ritrovamenti mettono in luce l'eterogeneità storica e culturale dell'isola di Filicudi e delle origini estremamente antiche del suo territorio e della sua popolazione.

Boat trip around the island
You can see all the natural marvels of Filicudi: indented coastlines, amazing grottoes, stacks. We advice to make the boat trips with "gozzi", typical aeolian boats.


Grotto of the Bue Marino (Seal)
it is the most beautiful grotto of the island and it is situated close to Punta Perciato. In the grotto, you can sea amazing lights effects and suggesting noises. The name of the cave comes from the noises made by the sea: it sounds like ox roar.

Filicudi - La Canna Faraglione
La Canna close to the Grotto of the Bue Marino, a tall natural crag called La Canna, rises out of the sea depths to a height of 85 metres. From here you can see the Zucco Grande and its ten layers of lava.

Filicudi -  Cliff of Fortune
it is a peculiar cliff in which a little basin receives many water turning to a small natural swimming-pool..



Further trips:

little islands of Elephant and Montenassari, whose outline reminds of a dragon' back.

Underwater

Prawns Grottoi
I t is one of the best immersions of the island (32 metres depth): the grotto is full of many fishes and crayfishes. The grotto ends in the sand at 50 metres depth: on the way going back up to surface, you can meet big groupers.

Filicudi - Six-meters shallow
another amazing diving. The shallow is located in the northern part of Filicudi, between the cliff of Gianfante and the Sciara. A wonderful monolithic rising from 40 metres to 6 metres forms the white spot of the top of the shallow.

Excursions

Prehistoric village of Capo Graziano
A path leads from pecorini to Capo Graziano: here you can see the rests of a prehistorical village dating to the Bronze Age. The village was probably destroyed in XIII century b. C.

Fossa delle Felci
If you would like to enjoy a breathless view on the archipelagus, you have to climb to "Fossa delle Felci". You can reach it from Valla eChiesa through the paths leading up to the mount.

 

 
 

HISTORY

WHAT TO SEE

RESTAURANTS

HOTELS

BEACHES

 

 
 







 
     
 

Skype us

Language selection

  • Italian
  • English
  • Russian
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter