DA VISITARE A RAGUSA Stampa

CATTEDRALE DI S.GIOVANNI BATTISTA
P.zza S.Giovanni
Dedicata al patrono della città. La sua costruzione fu iniziata nel 1706 e a piu' riprese venne completata e consacrata nel 1778. E' opera di due maestri costruttori, Mario Spata e Rosario Boscarino. L'ampia facciata barocca e' a tre portali, quello centrale è ornato da tre statue rappresentanti l'Immacolata, il Battista e San Giovanni Evangelista. Interessante, sempre sulla facciata, l'orologio solare recentemente restaurato. L'interno, a croce latina a tre navate, e' ornato da fastosi stucchi. La statua di S.Giovanni in pietra pece (1513) e' opera di Angelo Rocchetti ed e' proveniente dall'antico tempio dedicato al Santo e distrutto dal terremoto del 1693. E' anche conservata una statua lignea ottocentesca del Santo, opera del ragusano Carmelo Licitra, la quale viene portata in processione per la festa del patrono il 29 agosto. All'interno sono conservati diversi quadri tra i quali un Cristo del Manno, S. Filippo Neri del Conca, S. Gregorio Magno di Paolo Vetri. In fondo alla navata centrale spicca il prospetto monumentale delle canne dell’organo Serassi Tamburini, di eccellente fattura. Nella navata di destra, la prima cappella, detta del Battistero, presenta gli affreschi del Cascone sulle scene dell’Antico e del Nuovo Testamento.
CHIESA S.GIORGIO
Opera dell'architetto siracusano Rosario Gagliardi, che ha firmato parecchie opere importanti in tutta la val di Noto. Iniziato nel 1738, sul posto dove sorgeva la chiesa di S. Nicolo' distrutta dal terremoto del 1693, fu completata nel 1775. Il Gagliardi sfrutta l'idea originale della facciata torre, utilizzata anche in altri progetti, realizzando un tempio dalla forma slanciata che e' sicuramente fra i piu' belli del barocco siciliano. La cupola alta 43 m. e' stata ultimata nel 1820 ed e' opera di Carmelo Cultrari. All'interno, nella navata centrale, troviamo 13 vetrate istoriate rappresentanti i martiri di S. Giorgio, dipinti di Vito D'Anna. In Sacrestia è da segnalare una bella pala marmorea, notevoli sculture di scuola gaginesca e un ricco 'Tesoro del Santo'.
CHIESA S.MARIA DELLE SCALE O DELLE CATERATTE
Via XXIV Maggio
Dal sagrato di questa stupenda chiesa possiamo ammirare uno dei piu' bei panorami su Ragusa Ibla; si dipartono infatti 250 gradini a rampe che portano a Ragusa Ibla. Ricostruita dopo il terremoto, ha avuto salvi il portale, un bel pulpito gotico e il campanile. All'interno sono degni di nota gli archi di tipo gotico e rinascimentale e un'immagine cinquecentesca della Vergine, opera in terracotta della scuola dei Gagini.
CHIESA S.MARIA DELL’IDRIA
Ricostruita dopo il terremoto del 1693 su una precedente chiesa fondata nel 1629 dall'ordine dei Cavalieri di Malta. Il campanile è rivestito con ceramiche policrome di Caltagirone.
CHIESA S.GIUSEPPE
P.zza Pola
Presenta una facciata molto simile a quella della basilica di San Giorgio, ed è per questo attribuita al Gagliardi. Nell'interno, con navata a forma ellittica, si conservano stucchi, tele e altre preziose opere barocche, oltre ad un San Giuseppe seicentesco in argento. Da segnalare inoltre: dipinti di Matteo Battaglia; S. Famiglia di Tommaso Pollace; S. Geltrude e S. Benedetto di Giuseppe Cristodoro e sul soffitto la Gloria di S. Benedetto di Sebastiano Lo Monaco.
CHIESA DEI CAPPPUCCINI VECCHI
La chiesa dei Cappuccini è caratterizzata da una semplice facciata ravvivata da quattro paraste a capitelli corinzi, che reggono un frontone neoclassico accompagnato da due piccoli campanili. L'interno della chiesa con tetto a capriate conserva una delle opere maggiori di Pietro Novelli detto il Monrealese, riconosciuto come il più significativo tra i pittori siciliani del Seicento: si tratta della Madonna fra Angeli e Santi (uno degli apostoli è un autoritratto del Novelli).
CHIESA SAN GIACOMO
Giardino Ibleo
La Chiesa di S. Giacomo risale al XIV secolo. Originariamente a tre navate, e' stata ricostruita sulla navata superstite al terremoto del 1693. Sul campanile vi sono tre sculture, tra cui: a destra, S. Giovanni Evangelista, al centro S. Giacomo raffigurato secondo la tradizione spagnola sul cavallo in atto di combattere i musulmani. All'interno troviamo un interessante soffitto ligneo dipinto dal ragusano Matteo Battaglia; nel presbiterio a sinistra si puo' ammirare un Crocifisso del '600 di scuola spagnola.

CASTELLO DI COMISO
Antico castello di cui oggi rimane una torre circolare.
CASTELLO DI DONNAFUGATA
Il castello fu costruito intorno al X – XI secolo per opera degli Arabi e fu risistemato nel corso dei secoli. Nel XVII secolo, è stata eretta la possente torre quadrata, mentre ai lati dell’edificio si ergono due torrioni circolari. L’attuale aspetto risale al XIX secolo ed è in stile tardo-romantico. L’edificio è circondato da un ampio parco dove si possono ammirare le grotte artificiali, una piccola cappella, piante esotiche e splenditi vasi di terracotta di Caltagirone.

MUSEO ARCHEOLOGICO IBLEO
Via Natalelli – 97100 – Ragusa
Ingresso a pagamento
Reperti delle necropoli arcaiche di Camarina e del territorio urbano.
MUSEO ARCHEOLOGICO REGIONALE DI CAMARINA
Strada Prov.102 , Km 1 – 97100 –Ragusa
Visite guidate a pagamento – Archivio fotografico – Mediateca – Videoteca
E’ costituito dall’insieme di più caseggiati rurali presso l’area del tempio e santuario di Atena (sec.VI-IV a.C.). Reperti dagli scavi dalla città, dalle necropoli, da Camarina (dall’età preistorica alla romana). Reperti subacquei della baia.

 

 
 

LA STORIA

DA VISITARE

RISTORANTI

ALBERGHI

LE SPIAGGE

DIVERTIMENTO

Ragusa, castello di Donnafugata
Ragusa, castello di Donnafugata
Ragusa, castello di Donnafugata
Ragusa, museo di Donnafugata
Marina di Ragusa
Ragusa, Duomo S.Giorgio
Ragusa, porto
 
 
Ragusa, citta vecchia
Ragusa, Ibla
Ragusa, chiesa S.Giovanni Battista
Ragusa, chiesa San Giuseppe
Ragusa, Ibla panoramica
Ragusa, la Cava di Santa Domenica
 
   
     
 

Skype us

Selezione lingua

  • Italian
  • English
  • Russian
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter