HOME arrow ITINERARIES arrow Sardinia excursions arrow Olbia arrow What to see
WHAT TO SEE Print

Nel suo territorio, abitato fin dal periodo neolitico, si trovano testimonianze della civiltà nuragica. Particolarmente importanti sono il complesso nuragico di Cabu Abbas e il pozzo sacro di Sa Testa. Del periodo romano sono visibili oltre ai resti delle terme, quelli della cinta muraria. Ad ovest della città si trovano i ruderi del castello medioevale di Pedres, visibili dalla pianura che circonda il colle granitico su cui sorge. Da non perdere la chiesa di S. Simplicio, il più artistico, importante, antico monumento religioso della Gallura; è una delle testimonianze più chiare della diffusione del Cristianesimo in Sardegna. Rispetto ad altre chiese romaniche, rivela nella facciata elementi toscani e lombardi. L'interno è scandito da pilastri e colonne che sostengono il tetto a capriate e le volte delle navate laterali. Sulle pareti vi sono alcune pietre della strada romana che conduceva a Telti e numerose lapidi romane provenienti dalla vicina necropoli. L'intero territorio di Olbia, oltre all'interesse culturale e archeologico, offre uno straordinario scenario naturalistico grazie alle stupende coste.
 

 

 
 

HISTORY

WHAT TO SEE

OLBIA RESTAURANTS

OLBIA HOTELS 

BEACHES

 

 
 






 
     
 

Skype us

Language selection

  • Italian
  • English
  • Russian
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter